Mulino Val D'Orcia utilizza cookie e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

Che cosa sono i grani antichi e perchè sceglierli

I grani antichi ed i loro benefici: 5 ragioni per consumarli di più 19/1/2017

Che cosa sono i grani antichi e perché consumarli?
Ormai avrete sentito cento volte parlare di grani antichi, ma sapete cosa sono? Cosa si intende quando si parla di grani antichi? Semplice, i grani antichi non sono altro che varietà del passato rimaste originali e autentiche. Vale a dire che non hanno subito nessun intervento di modifica genetica per aumentarne la resa. L’esempio forse più conosciuto di grano antico in Italia è il grano duro Senatore Cappelli che è l’ingrediente principale della nostra pasta. Leggi di più sul grano duro Senatore Cappelli. Esistono tante altre varietà come il grano tenero Verna (Leggi di più sul grano tenero Verna), il Gentil Rosso, l’Abbondanza, il Timlia, Andriolo, Inalletabile, e tanti altri ancora.
Al Mulino Val d’Orcia abbiamo deciso di coltivare nei nostri campi a Pienza proprio queste varietà di grani antichi. Volete sapere perché abbiamo deciso di riscoprire i grani antichi? Perché consumare i grani antichi fa bene e perché dovremmo consumarli più spesso?

Ecco almeno 5 buone ragioni per consumare più spesso i grani antichi:

1) NON HANNO SUBITO ALTERAZIONI
I grani antichi sono autentici. I grani antichi come il Senatore Cappelli o il Verna non hanno subito interventi di manipolazione genetica. Proprio per questo i grani antichi hanno una resa decisamente minore rispetto ai grani moderni. Con l’avvento dei grani moderni “creati in laboratorio” i grani antichi sono stati progressivamente abbandonati per rese sempre maggiori ma qualitativamente peggiori. Forse costano un po’ di più ma è il prezzo è giustificato da un prodotto più sano, genuino e naturale.

2) HANNO MENO GLUTINE
Per ottenere grani sempre più adatti alla lavorazione di pane, pasta e prodotti da forno, questi sono stati modificati geneticamente. Le modificazioni genetiche hanno dato origine a grani sempre più ricchi di glutine. E questo purtroppo ha comportato e comporta grossi svantaggi per il nostro organismo. I grani antichi invece hanno un rapporto migliore e più equilibrato tra amido e glutine. I grani antichi contengono una minore quantità di glutine e glutine meno tecnologico proprio perché non modificati geneticamente.
L’elevata sensibilità al glutine che si è sviluppata così abbondantemente negli ultimi anni tra la popolazione mondiale, è con tutta probabilità dovuta all’eccessivo consumo di varietà moderne di grano, “pompate” di glutine.
Consumare regolarmente grani antichi significa allontanare il rischio di intolleranze al glutine.
Leggi anche Stop al Glifosato

3) SONO PIU’ BUONI
Penserete che siamo di parte ma non è così! I grani antichi hanno proprietà organolettiche migliori e molto spiccate rispetto ai grani moderni. A partire dai profumi caratteristici e dal sapore intenso di grande rusticità. Non ci credete?! Provare per credere. Fate il pane fatto in casa, provate con un dolce la pizza o la pasta. Fatelo prima con una farina industriale raffinata e poi provate con una farina di grani antichi. Il risultato sarà la dimostrazione che cercate.
Leggi anche La ricetta del pane fatto in casa in 15 minuti

Grani Antichi Senatore Cappelli

4) SONO PIU’ LEGGERI E DIGERIBILI
Proprio perché i grani antichi contengono meno glutine e perché molto spesso sono trasformati con macine in pietra risultano più leggeri e più digeribili per il nostro organismo. La minore quantità di glutine che contengono rende la farina più assimilabile dal nostro organismo rispetto ai grani moderni.
Se macinati a pietra sono anche meno raffinati rispetto alla farina industriale . Le farine di grani antichi macinati a pietra mantengono integri i valori nutrizionali del chicco. I grani antichi sono adatti a tutti i tipi di preparazioni e indicati per prevenire intolleranze o per integrare l’alimentazione dei bambini.
Leggi anche Farina 00: i lpiù grande veleno della storia

5) TUTELARE LA BIODIVERSITA’
Un impegno verso il nostro territorio. Coltivare grani antichi per noi significa tutelare la biodiversità. A causa della loro bassa resa e dei costi di produzione più elevati, questi grani hanno rischiato e rischiano ancora di scomparire. Ecco perché è un dovere tutelarli ma è anche un piacere perché i grani antichi sono gli unici davvero “compatibili” con il nostro DNA ed il nostro organismo ce ne sarà grato.
Consumare grani antichi inoltre significa spesso scegliere prodotti di filiera corta, quindi prodotti che vengono dal territorio controllati e garantiti.
Leggi anche le 7 proposte di Greenpeace per l'agricoltura del futuro

Al Mulino Val d'Orcia coltiviamo con metodo biologico varietà pregiate di grani antichi. I grani che coltiviamo in Val d'Orcia vengono poi trasformati in farine e pasta nel nostro mulino con macine in pietra.

GUARDA LE NOSTRE FARINE DI GRANI ANTICHI BIO MACINATI A PIETRA

GUARDA LA NOSTRA PASTA BIOLOGICA DI GRANI ANTICHI

LEGGI ANCHE COSA SIGNIFICA FARINA TIPO 1, TIPO 2, 0 E 00

LEGGI ANCHE COME USARE LE FARINE MACINATE A PIETRA


I Nostri Prodotti

Dettagli Prodotto

Cesto Pasta, Olio e Sugo

Cesto Pasta, Olio e Sugo

Natale è alle porte, potres...

Dettagli Prodotto

Confezione juta Componibile

Confezione juta Componibile

Natale è alle porte, potres...

Dettagli Prodotto

Box Vino e Pasta

Box Vino e Pasta

Natale è alle porte, potres...

Dettagli Prodotto

Cesto Piccolo Componibile

Cesto Piccolo Componibile

Natale è alle porte, potres...

Vai alla lista prodotti

BLOG SEARCH



Mulino val d'orcia
L'Esperto risponde

BLOG SEARCH



Mulino val d'orcia
L'Esperto risponde


TAG