Mulino Val D'Orcia utilizza cookie e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

Il biologico in Italia: digitale, giovane e redditizio

Il bio come soluzione anticrisi? 17/10/2014

Quella del biologico è una filiera da cui molte altre in questo Paese in difficoltà potrebbero trarre spunti di insegnamento. Potrebbe essere questa una delle prospettive positive da cui leggere i risultati di una indagine presentata da AIAB (Associazione Italiana per l'Agricoltura Biologica) qualche giorno fa alla Biodomenica di Roma, centrata sul tema dell’agricoltura familiare, in linea con le celebrazioni volute dall’Onu in tutto il mondo (e approfondito anche su Valori di ottobre). Secondo l’ultimo Bioreport (elaborato da Mipaaf, Inea, Ismea e Sinab) il biologico che si coltiva in Italia sarebbe infatti a forte impronta familiare, giovane, colto e, soprattutto, produrrebbe più reddito.

I dati Istat su quasi 1 milione e 621 mila aziende agricole e zootecniche dicono infatti che circa il 99% di loro fa ricorso a manodopera familiare. Ma ciò che distinguerebbe le coltivazioni bio sono altri numeri contenuti nel rapporto: il reddito netto per unità lavorativa familiare è di 51.478 euro contro i 34.294 euro delle aziende che producono in modo convenzionale. Allo stesso tempo nell’agricoltura bio si spende il 14% in più per il lavoro (22.957 euro contro i 15.066 del convenzionale), perché c’è più lavoro. “Nelle aziende bio – spiega Vizioli ha tenuto a sottolineare Vincenzo Vizioli, presidente di AIAB– c’è bisogno di più manodopera umana”. Altri dati interessanti dicono poi che le aziende bio sono guidate da giovani (il 22% ha un capo azienda di età compresa tra i 20 e i 39 anni, a fronte del 9,6% relativo al totale delle aziende agricole e zootecniche italiane), in possesso di un titolo di studio mediamente elevato (il 17% è laureato e 32% ha un diploma di scuola superiore, contro rispettivamente, il 6% e il 18%). Il 15,6 % delle aziende biologiche italiane è informatizzato (contro il 3,8%, delle convenzionali), il 10,7% ha un sito web (contro, l’1,8%) e il 5,2% pratica l’e-commerce (contro lo 0,7%).

Di Corrado Fontana


I Nostri Prodotti

Dettagli Prodotto

Box Cereali e Legumi

Box Cereali e Legumi

Il Box Cereali e Legumi inc...

Dettagli Prodotto

Box Farine

Box Farine

Il Box Farine include:

Dettagli Prodotto

Box Pasta

Box Pasta

Il Box Pasta include: ...

Dettagli Prodotto

Box Mulino Val d'Orcia

Box Mulino Val d'Orcia

Il Box Mulino Val d'Orcia i...

Vai alla lista prodotti

BLOG SEARCH



Mulino val d'orcia
L'Esperto risponde

BLOG SEARCH



Mulino val d'orcia
L'Esperto risponde


TAG